Home Tools Search Console strumento per comunicare con Google

Search Console strumento per comunicare con Google

Search Console è software gratuito che attraverso un processo di verifica ti dà accesso ad una dashboard in cui puoi comprendere come Google percepisce il tuo sito web.
Puoi cosi monitorare molti aspetti fondamentali per il successo del tuo progetto, tra cui la presenza nei risultati di ricerca, la velocità di caricamento delle pagine, rilevare siti che ti linkano, validare la correttezza dei dati strutturati, controllare eventuali errori di formattazione e sintassi del codice e nel caso tu usassi la tecnologia Accelerated Mobile Pages monitorare le pagine AMP (approfondisci argomento AMP).

Chi la deve usare

Se sei un proprietario, uno sviluppatore o uno specialista SEO di un sito web, hai interesse per il traffico organico e vuoi comunicare con Google, devi utilizzare la Search Console!

Come si usa

Search Console è un’applicazione web e necessità di:

Dopo aver effettuato la procedura di verifica (vai alla Guida per aggiungere proprietà per un sito web), accedi alla dashboard https://search.google.com/search-console/about?hl=it. Una volta effettuato il login compare davanti a te il pannello di controllo con cui esaminare vari aspetti del tuo sito web.

Dashboard Search Console
Esempio di una dashboard di un sito per test appena registrato

I dati iniziano ad essere archiviati dal momento in cui un sito vine indicizzato ed hanno una finestra temporale massima di 16 mesi. Quindi partendo dal mese in corso puoi analizzare i dati fino a un anno e 4 mesi prima.
Se vuoi conservare i dati per un periodo storico più lungo puoi fare periodicamente delle esportazioni in uno dei formati disponibili: fogli di Google, Excel o CSV, ed analizzarli poi con un’applicazione di tuo gradimento come un foglio di calcolo.
L’aggiornamento dei dati non è immediato e va da un periodo di poche ore fino a qualche giorno, solitamente non più di 48 ore.

Cosa puoi fare

Search Console è il must have per chi possiede e gestisce un sito, quello che ti permette di fare è:

  • Comunicare con Google, capire come vede il tuo sito, essere informato della presenza di errori e agire per correggerli;
  • Capire come viene interpretato un tuo contenuto, per quali keyword viene indicizzato e modificarlo o migliorarlo per promuovere gli argomenti di tuo interesse.
  • Confrontare l’andamento e le performance delle keyword e delle pagine per vari periodi e capire se la tua strategia funziona.
  • Esportare i dati ed avere un archivio più esteso dei 16 mesi e utilizzare i dati per effettuare delle aggregazioni o elaborazioni più vicine alle tue necessita rispetto a quelle che già vengono offerte dalla console.
  • Forzare la scansione di un contenuto così da rendere il processo di indicizzazione più rapido link.
  • Comunicare la sitemap del tuo sito per una scansione più facile link.
  • Chiedere la rimozione di un tuo contenuto dall’indice link

Hai bisogno di assistenza nella attività di miglioramento? Contattami per una consulenza SEO.

Le sezioni disponibili

Search consolle è un software costituito da varie sezioni che analizzano i vari aspetti di un sito, queste sezioni sono in continua evoluzione e la loro presenza è dovuta anche alla natura del un sito stesso e alla presenza o meno di un certo tipo di informazione. Ad esempio un sito che non dispone di versione AMP, non avrà la sezione dedicata.

Le sezioni principali sono:

Sezione principale

  • Introduzione: è la pagina principale che sintetizza lo stato generale del sito (quella che hai visto nel paragrafo precedente);
  • Rendimento: è la sezione che permette di capire l’andamento del sito web, è composta da due sezioni una grafica e una tabellare;
    • Area grafica è un diagramma temporale, con i dati su:
      • clic, quando un utente dalla serp clicca sul risultato;
      • impressioni, numero di volte che un risultato compare in serp;
      • CTR medio, Click through rate, percentuale di impressioni che hanno portato ad un clic;
      • Posizione media, media della posizione in serp di tutte le parole chiave presenti in quel periodo.
    • Area tabellare è composta da tabelle dinamiche che contengono le serie di dati che generano il grafico. Le tabelle presenti sono:
      • Query, le keyword con cui si compare;
      • Pagine, gli URL con cui si compare;
      • Paesi, le nazioni dove si compare;
      • Dispositivi, la distribuzione dei dispositivi su cui si compare, Desktop, Mobile e Tablet.
rendimento Search Console
Esempio di pagina rendimento Search Console
  • Controllo URL, permette attraverso la barra di ricerca di esaminare un URL specifico, che deve appartenere alla proprietà selezionata, mostrando una pagina con le informazioni sull’indicizzazione, la presenza in sitemap (impara ad inviare una sitemap a Google), l’usabilità sui dispositivi mobili e versione AMP.
Controllo URL Search console

Sezione Indice

  • Copertura, lo stato di indicizzazione di tutte le pagine scansionate divise per:
    • Pagine con errore, che non vengono mostrate in serp
    • Pagine con Avvisi, con errori lievi e vengono mostrate in serp
    • Pagine valide,
    • Pagine escluse, pagine che non vengono indicizzate per volontà del webmaster.
  • Sitemap, pagina in cui comunicare l’URL della sitemap e verificarne la lettura.
  • Rimozione, area dedicata alla richiesta di rimozione temporanea dei contenuti dall’indice.

Sezione miglioramenti

  • Segnali web essenziali, attraverso due grafici uno per mobile e uno per desktop viene rappresentato l’andamento delle velocità di caricamento. Se non si ha una sufficiente fonte di traffico questi grafici non si compilano;
  • Usabilità sui dispositivi mobili, indica eventuali errori rispetto le linee guida di Google per le pagine progettate per dispositivi mobili;
  • AMP, come la precedente voce ma con riferimento specifico alle pagine AMP;
  • Caselle di ricerca sitelink, segnala la presenza nelle pagine della casella di ricerca, molto utile ai fini dell’usabilità del sito.

Sezione Sicurezza e azioni manuali

  • Azioni manuali, qui si ricevono comunicazioni su eventuali azioni intraprese dal team di Google che filtra o rimuove il sito o parte di esso dalle serp per comportamenti scorretti, non mi è mai capitato di vedere questa situazione e sento sempre meno il verificarsi di questa pratica che probabilmente è stata assorbita interamente dal sistema algoritmico che non produce nessuna segnalazione;
  • Problemi di sicurezza, qui si ricevono segnalazioni quando Google ritiene che il sito abbia subito un attacco hacker e possa recare danno al suo titolare o agli utenti che lo visitano.

Sezione Strumenti rapporti precedenti

Questa sezione fa riferimento a strumenti presenti nella vecchia versione di Search console che sono in attesa di essere definitivamente dismessi o migrati alla nuova versione come la sezione Statistiche di scansione che in data 24/11/2020 è stata migrata e notevolmente potenziata nella nuova Search Console alla sezione impostazioni. A questo link l’articolo ufficiale da Google Search Central Blog e a questo link l’approfondimento al rapporto statistiche di scansione.

  • Targeting internazionale, indica se e quale tag hreflang Google rileva, serve per specificare la lingua dei contenuti. in quest’aera è anche possibile indicare per tutto il sito il paese di riferimento.
  • Messaggi, rimanda alla vecchia SC ed è sostanzialmente una casella di posta con tutte le comunicazioni da Google. La stessa funzione si trova anche nella nuova versione selezionando la campanella in alto a destra;
  • Parametri, permette di filtrare dalla scansione pagine che hanno contenuti identici ma che si differenziano per URL parametrizzati, come categorie e taglie. Strumento da usare solo in presenza di specifiche condizioni e con attenzione per evitare il filtro a pagine utili (qui l’approfondimento di Google)
  • Web Tools, una serie di strumenti per verificare se il sito non rispetta le linee guida, come pubblicità invadenti o per testare la correttezza nella forma dei dati strutturati.

Sezione Link

Riporta in formato numerico la distribuzione dei link tra le varie pagine, sia per i link interni che per i link esterni, segnalando la fonte e le principali anchor utilizzate.

Sezione impostazioni

Un’area inizialmente in cui controllare alcune informazioni di base come lo stato di verifica della proprietà, gli utenti autorizzati ed eventualmente la rimozione della proprietà.

Dal 24 novembre 2020 è stata aggiunta la sezione statistiche di scansione, dove monitorare il comportamento dei GoogleBot e le risposte del sito.

La sezione si chiama Statistiche di scansione e si trova all’URL https://search.google.com/search-console/settings/crawl-stats

I 3 grafici a linee della versione precedente sono stati uniti in un unico diagramma, che rappresenta rispettivamente con la linea Blu  il numero di pagine scansionate, con la linea viola i Byte scaricati giornalmente e con la linea arancione i tempo medio per il download di una pagina.
Anche se la veste grafica è aggiornata il principio di base resta quello sempre, ovvero mantenere il più alto possibile il numero di pagine scansionate e ridurre al minimo il tempo per servire una pagina al GoogleBot.

Questa pagina però rispetto alla precedente contiene molte più informazioni che ci possono aiutare ad identificare i problemi ed agire per il mantenimento o il miglioramento della posizione in serp.

Stato host

Riepiloga la disponibilità generale dell’host, in sostanza se in seguito alle richieste del crawler il sito e il server rispondono bene o meno. Gli stati disponibili sono 3 e sono:

  • Verde tutto ok, nessun problema negli ultimi 90 giorni ;
  • Verde bianco, nell’ultima settimana tutto ok ma nel periodo precedente c’è stato almeno un problema, ovvero una delle voci prese in esame ha restituito errore per più del 5% dei tentativi.
  • Rosso, nell’ultima settimana c’è stato il superamento del 5% di errore per le voci esaminate, Recupero robots.txt, Risoluzione DNS e Connettività server.

Suddivisione richieste

Nella parte finale c’è un utilissimo report diviso in 4 sezioni, in cui è possibile vedere:

  • La distribuzione come rispondono le risorse di un sito, se sono presenti se sono in 404 oppure reindirizzate;
  • La distribuzione del tipo di file che vengono scansionati, esempio html, css, ecc.. ;
  • La distribuzione della finalità, se sono pagine già scansionate in precedenza o sono nuove;
  • La distribuzione della scansione dei vari bot.

In più per ogni singola voce è possibile analizzare l’elenco dei vari URL con data e ora di scansione, come se fosse il file LOG del server, solo che già filtrato.


Spero che questo articolo ti sia stato utile, se hai piacere condividi con un commento o una mail la funzionalità di Search Console che pensi essere più utile per i tuoi progetti. Ciao!

Manuele Morandinhttps://www.manuelemorandin.net
Consulente SEO e tecnico informatico, aiuto imprenditori e professionisti a sviluppare on line la propria attività, attraverso il posizionamento sui motori di ricerca, campagne pubblicitari e gestione dei social network.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Consulenza SEO

Hai un progetto che non decolla, che non ottiene i risultati sperati? Oppure stai per partire con una nuova idea e vuoi che sia tutto a posto. Contattami per una Consulenza, per un’analisi rapida o per un Audit SEO approfondito del tuo sito, spesso il problema è più semplice di quel che si pensa. Richiedi: